Coronavirus, la mascherina hi-tech Urban Mask con valvola elettronica

Oggi i dispositivi di protezione personali, a causa dell’emergenza coronavirus, per limitare la diffusione del virus sono diventati oggetti indispensabili. Per questo motivo le aziende hanno cominciato a studiare attrezzature sempre più sofisticate, tecnologiche, che rispettano l’ambiente e alla moda.

Da poco in Italia è stata realizzata la mascherina con protezione FFP3 che è in grado di connettersi al proprio smartphone.

Si chiama Urban Mask, può essere riutilizzata e tra le altre cose possiede appunto la caratteristica di connettersi al proprio smartphone per monitorare il livello di protezione contro il COVID-19.

Questo è possibile grazie alla presenza di un’app che non sottopone a monitoraggio solo la mascherina ma anche la persona che la indossa e l’ambiente circostante.

A crearla è stata l’azienda milanese Narvalo. Sono stati in grado di produrre una mascherina hi-tech, confortevole e con un design accattivante. Può essere acquistata direttamente sul loro sito https://narvalo.design/, è disponibile in sei diverse colorazioni al costo di €89,00 e al momento la spedizione è prevista dal 15 al 30 settembre.

Con questa invenzione l’azienda ha dimostrato che non gli preme soltanto la salute delle persone ma anche dell’ambiente. È composta da un materiale lavabile e antistrappo che permette un’alta respirabilità grazie ai filtri strutturati in cinque strati tra cui quello in carbone attivo. Ha il potere di filtrare il 99,9% di agenti inquinanti, polveri, virus, batteri e molto altro ancora. Inoltre la parte esterna del filtro è idrorepellente e la parte interna della mascherina è stato realizzato con materiale anallergico e anch’esso idrorepellente. In più è presente una valvola di espirazione che non permette l’accumulo di calore e umidità all’interno della mascherina.

È stata testata in accordo alla norma EN 149:2001+A1/09. Per quanto riguarda appunto la certificazione sul loro sito si legge che: “La Narvalo Urban Mask è attualmente in certificazione, di seguito è disponibile un report preliminare realizzato nei laboratori di BLS che certifica la capacità filtrante notevolmente superiore ad una FFP3 Standard con una resistenza respiratoria assimilabile ad una FFP1”.