BorsaAndrew Grantham parla dei mercai forex emergenti

Andrew Grantham parla dei mercai forex emergenti

Secondo Andrew Grantham, Senior Economist di CIBC Capital Markets, le recenti crepe che stanno iniziando a essere viste nei mercati emergenti dovrebbero essere una preoccupazione per gli investitori, non solo dal punto di vista del tasso di cambio, ma anche da un punto di vista della crescita globale.

Negli ultimi anni la crescita globale è diventata sempre più dipendente dai mercati emergenti.

Infatti, i dieci più grandi mercati emergenti hanno guidato oltre il 50% della crescita nell’economia globale dal 2010, con quasi il 30% dalla sola Cina.

Gli sforzi compiuti per arginare i deprezzamenti del Forex e frenare l’inflazione tra i mercati emergenti più vulnerabili hanno il loro impatto deprimente sulla crescita.

Mentre i tassi di interesse nei mercati sviluppati sono ancora ben al di sotto delle norme del ciclo precedente, i recenti rialzi dei tassi in paesi come la Turchia e l’Argentina indicano che, in media, i tassi di interesse nei mercati emergenti sono molto più alti di un anno fa e più vicini in linea con la media della crisi pre-finanziaria.

Non tutti i mercati emergenti sono a rischio di crisi valutaria, molti hanno governi stabili e alcuni sono diventati meno dipendenti dagli afflussi stranieri negli ultimi anni, tuttavia, i rallentamenti potrebbero essere visti anche nelle economie dei mercati emergenti, anche senza una crisi valutaria.

Con la preoccupazione per gli investimenti eccessivi in ??alcuni paesi e con gli stranieri meno disposti a finanziare tali progetti la crescita rallenterà nei prossimi anni e solo in alcuni casi (Messico, India, Filippine) la crescita del PIL è contenuta anche senza una quota di investimento più elevata.

Categories: Borsa